SIMBOLOGIA SATANICA

SIMBOLOGIA SATANICA

Nel Sentiero del Satanismo sono davvero tanti i simboli che si incontrano ed elencarli tutti non è proprio semplice.
Molti simboli vengono utilizzati nel Satanismo anche se non fanno parte di questo Culto, rimanendo ugualmente estremamente importanti nel Percorso di ognuno.
Qui vediamo la simbologia satanica più importante, i simboli più conosciuti e più frequenti:

Sigillo di Lucifero

Il Sigillo di Lucifero ha origine nel XVI secolo grazie al Grimorium Verum. Utilizzato in combinazione con altri simboli, il suo scopo originale è stato quello di aiutare l’invocazione visiva dell’angelo caduto Lucifero.

Varianti:

 

 

La Capra di Mendes

Il cosiddetto “Pentacolo di Mendes” (a volte, Mendez) o capra sabbatica è un emblema che è stato collegato al satanismo negli anni Sessanta, falsamente attribuito all’occultista del XIX secolo Eliphas Levi.
Questo simbolo è comunemente confuso con la raffigurazione di Levi dell’icona del Baphomet, che non fu mai presentato come un simbolo del male, ma di armonia, di riscatto e l’unione con il divino. Il nome “capra di Mendes” deriva da una connessione di Levi fatta tra il Baphomet templare, la capra sabbatica e il dio egizio Ammon – secondo Levi, un emblema della fertilità e della libertà sessuale. Per Levi però, il Dio in questione era rappresentato da un ariete, non un caprone, ma la confusione ha persistito.
Una versione semplificata del simbolo indicato è stato adottato come emblema della Chiesa di Satana di Anton Lavey nel 1966. Le lettere ebraiche che circondano il pentacolo precisano il nome “Leviathan”, il mitico mostro marino del Vecchio Testamento.

Baphomet

Questa figura enigmatica, nota come Baphomet, è stata descritta per la prima volta dai Templari.
Dopo il ripudio dei Templari verso la Chiesa, la tortura a loro inflitta suscitò centinaia di confessioni di vari crimini tra cui crimini improbabili come sputare sulla croce, negare Cristo e adorare un idolo cioè una testa barbuta e grottesca chiamato Baphomet.
In effetti, un certo numero di artefatti presumibilmente Templari emersi, riportano l’immagine di un insolito maschio/femmina ibrido. Gli storici nel corso degli anni hanno discusso la possibilità che l’origine della parola sia una corruzione del nome Mohammed o dal greco, una frase che significa “il battesimo di saggezza” o “Bufihimat” che sta per “padre della saggezza”. Altri hanno suggerito una più intrigante possibilità che Baphomet sia un cifrario cabalistico che indichi la Dea Sophia o una variante della Dea greca della saggezza “Metis”.
L’interpretazione di Baphomet è stata elaborata dall’occultista XIX secolo Eliphas Levi. E ‘stato disegnato con la testa di una capra, un corpo umano e le ali. Secondo Levi era una figura rivelatrice, che richiede studio per comprenderla. Tuttavia, fatta eccezione per alcuni dettagli, la connessione di Levi tra la sua versione di Baphomet e l’idolo leggendario dei Templari è perlopiù inesistente.

Zolfo

(simbolo conosciuto anche come Croce di Leviathan)

Il simbolo dello zolfo è spesso usato come un simbolo di identificazione dai satanisti, a causa della sua associazione storica con il diavolo.
Questo glifo è spesso definito erroneamente come “croce pontificia di Satana” da scrittori di stampo cristiano, a causa della sua adozione come emblema del satanismo da Anton LaVey nel 1960 (simbolo infatti molto presente ne “La Bibbia Satanica”).

Mano Cornuta – Corna

Il gesto di “fare le corna” è simbolicamente usato contro il malocchio. Non è chiaro se il gesto è nato come un’immagine delle corna o come un gesto “che colpisce gli occhi” contro il malocchio.
Il gesto della mano cornuta è anche usato occasionalmente dalle Wiccan come simbolo del “Dio Cornuto” o come le corna della Dea Lunare, a seconda della tradizione.

 

Croce rovesciata

La croce rovesciata, conosciuta anche come la croce di San Pietro, è stata vista come un emblema del satanismo, anche se effettivamente c’entra ben poco. Storicamente, è stato un simbolo di umiltà, un simbolo di rifiuto di San Pietro di essere crocifisso alla stessa maniera di Cristo, e la sua preferenza di essere appeso a testa in giù.
La croce rovesciata però è anche un simbolo esoterico di inversione, ed è correlata alla carta dei tarocchi: l’impiccato.

[Colgo quindi l’occasione per ripetere nuovamente che la croce rovesciata NON è un simbolo inerente al Satanismo, ma solo un chiaro segno di ignoranza di coloro che si professano Satanisti con lo scopo unico dell’esibizionismo.]

 

666

Non mi sono mai più di tanto fermata sull’origine del 666 associato a Satana, ma è da ammettere sia uno dei simboli più ricorrenti (forse anche troppo) nel panorama Satanista.
Quindi preferisco linkarvi questo articolo che reputo molto interessante e che và oltre le solite storie.
http://crepanelmuro.blogspot.it/2011/07/la…numero-666.html
In alternativa, credo che Wikipedia possa rivelarsi utile per fare un’analisi “completa”.
https://it.wikipedia.org/wiki/Numero_della_bestia

Ouroboros

(Spesso viene usato anche per cingere un pentacolo, ma non è strettamente collegato al Satanismo)
E’ di solito raffigurato con la forma di un serpente che si morde la coda ed è nato in Egitto come simbolo del sole e del viaggio del disco solare. Nello gnosticismo è stato legato al Dio solare Abraxas, e rappresentava l’eternità e l’anima del mondo.
In alchimia rappresenta lo spirito di Mercurio (la sostanza che permea tutta la materia) e simboleggia il rinnovamento continuo (un serpente è spesso un simbolo di resurrezione, in quanto continuamente rinasce cambiando pelle.) E’ il ciclo della vita e della morte e l’armonia degli opposti. Un doppio ouroboros spiritualmente simboleggia l’equilibrio delle nature superiori e inferiori.

 

Ahsife Oscura